Nero di seppia
di Pino Signorino

Collana: Vox Populi
pagg. 128 / 14 euro

 

“Come orlo ricucito mi vedo,

Arranco tra rovi infuocati,

Domo da un dolore che mi vede anima,

E guardo,

I miei remi nella vastità del mare,

Come goccia di rugiada perso

Immergo i miei occhi nell'acqua,

E confondo la mia sofferenza,

E nuoto verso quella riva opposta,

Dove niente e nessuno attende,

E tendo la mia mano ansimante,

Mi perdo tra i flutti ignari di avere colto la mia anima

Non tornerò a vivere,

Solo spuma bianca dove

il mio corpo giace.”


— Pino Signorino